Autore: Redazione

L’epoca scelta da Dante per il suo viaggio ultramondano

L’epoca scelta da Dante per il suo viaggio ultramondano

Il viaggio di Dante è un vero e proprio itinerario dell’anima a Dio e il Poeta intende di compiere con esso una sua missione di redenzione dell’Umanità che somigli in qualche modo a quella del divino Messia. È per questo che Egli cerca di creare …LEGGI TUTTO

Dante e i Papi

Dante e i Papi

Da quanto abbiamo riportato sin qui dalla Divina Commedia, chiaro apparisce il profondo sentimento religioso del Poeta, il suo cattolicismo, l’esattezza dogmatica delle sue dottrine e via dicendo. Ciò non vuol dire però, che egli non abbia lasciato più volte correre la penna a bollare …LEGGI TUTTO

Dante e Maria

Dante e Maria

L’Alighieri professava una tenera e profonda divozione a Maria Vergine. Di questa sua divozione è testimonio bellissimo la Divina Commedia, nella quale ricorre di frequente il nome di Maria, sì con nome proprio, come con nome perifrasato. Dante, lo attesta egli nel c. XXIII del …LEGGI TUTTO

Le perifrasi del nome di Dio nella <i>Divina Commedia </i>

Le perifrasi del nome di Dio nella Divina Commedia

[…] Il nome di Dio ricorre […] ad ogni piè sospinto, e tutto quasi che vi si dice, va ad appuntarsi in Lui. L’idea di Dio è l’idea dominante della Commedia, la quale fu chiamata Divina, non solo, io credo, ad honorem auctoris, ma anche perché parla …LEGGI TUTTO

Commento teologico al Canto I dell’Inferno (Divina Commedia)

Commento teologico al Canto I dell’Inferno (Divina Commedia)

OSSERVAZIONI AL CANTO I L’adombrare il traviamento morale dell’uomo nel perdersi ch’egli fa in una selva oscura è concetto scritturale e insieme filosofico. Chi si dilunga dalla via luminosa del vero e del retto, si perde tra le tenebre dell’errore e del vizio, in una …LEGGI TUTTO

Hanno detto della Confessione

Hanno detto della Confessione

San PIO X – La negligenza per la propria anima giunge fino a trascurare lo stesso sacramento della penitenza, del quale nulla ci diede Cristo, nella sua estrema bontà, che fosse più salutare alla fragilità umana. San GIOVANNI PAOLO II -Sarebbe insensato, oltre ché presuntuoso, …LEGGI TUTTO